Rss Feed

Posts Tagged ‘vino’

Vino e Seduzione

Il vino è tutto, si sa.
Con San Valentino alle porte c’è chi si ingegna a trovare il modo d’impressionare la fidanzata (o l’amante o la fiamma di turno) con qualcosa d’originale.
Il vino può essere un’ottima risposta: è da sempre utilizzato (anche) per sedurre, affascinare, innamorare.

Tanto è vero che qualcuno, furbescamente, ne ha fatto pure una profes­sione.
La sommelier Ales­sandra Rotondi, infatti, organizza corsi di Wine Seduction a New York.
E sembra che la Grande Mela apprezzi.

Quando si dice inventarsi un mestiere.

http://www.wineseduction.com

Tags: , , , ,

No Comments


RIDUZIONE POST SETTIMANALI

Ciao,

oggi devo dare la notizia che  il numero di post settimanali del blog k4net scenderà a 2: Martedì e Giovedì con qualche intervento speciale del nostro esperto vino Dr Brunori.

In alto a destra trovate sempre i post del collega Ales­sio, un’utile guida all’utilizzo di eBay.

Saluti

Matteo Capecchi — Marketing Manager K4net

Tags: , , ,

No Comments


VEDERE E NON TOCCARE

Uno dei problemi dell’e-commerce è — verosimilmente credo che lo rimarrà — l’impossibilità di potere testare il prodotto, o quanto meno toccarlo, darne una valutazione diretta tramite i propri organi di senso.

Il fatto di vedere e non poter toccare è un forte discriminante nella fase di acquisto.
Soltanto per i prodotti per cui non si sente un forte rischio (di prendere ‘na ciofeca per intendersi), si procede tranquillamente ad acquistare. Se devo comprare un pacco di cd per farmi le compilations per i festoni di laurea e trovo un buon prezzo su internet, di solito non dovrei avere esitazioni a procedere.
Oppure nel caso trovi prodotti che ho già acquistato (o provato) altrove, ma che su internet trovo a condizioni migliori (prezzo, spedizione veloce..), probabilmente sceglierò ancora l’acquisto in rete.

Il problema rimane per i prodotti mai provati in pre­cedenza per cui esiste un certo rischio d’acquisto (per il prezzo o per il valore emozionale del prodotto stesso).
Pertanto, come indurre all’acquisto un potenziale cliente on-line?
A questa domanda credo che i miei amici di K4net sapranno fornire risposte esaurienti.

Quanto al vino nello specifico, in effetti, il canale virtuale da una parte non dovrebbe avere molte differenze da quello reale.
Forse che qualcuno di noi quando va in enoteca o al supermarket riesce a capire se un vino è buono soltanto guardandolo(sempre ammesso che non lo conosca da prima)?
E’ difficile che un’enoteca fornisca assaggi, a limite un bravo enotecaro può consigliare a dovere il cliente, ma il prodotto non verrà mai svelato nelle sue caratteristiche effettive.
Allora, consigli a parte, perché ancora su internet non si compra tanto vino?
Trovare una risposta soddisfacente è difficile, probabilmente l’acquirente ha bisogno di toccare, tastare almeno la bottiglia. Prenderla in mano, scrutarla, pas­sare i polpastrelli sulla carta, immaginarsi tutta la situazione che quella bottiglia comporterà (cenetta intima o regalo alla zia che sia).
Tutte azioni che poco hanno a che fare con la qualità intrinseca del vino, ma che molto – sembra – interes­sino il cliente che, anche nel paese che produce più vino al mondo, continua a scegliere una bottiglia non per quello che sta al suo interno ma per tutto quello che le sta intorno.

Daniele Brunori — Negoziante del Centro Commerciale K4net

Tags: , , , , ,

No Comments


rosa di rabbia

E’ scandoloso quanto deciso dall’UE in materia di rosé. I signori di Bruxelles hanno infatti acconsentito alla pratica “da trattoria” dell’assemblaggio di vini rossi e bianchi per la realizzazione dei vini rosati.

Ma sì ma sì, è proprio una bella trovata, una manna per il drink pink che faticosamente tentava di riprendersi dopo anni di oblio. Di fatto si permette alle aziende di effettuare anonimi mischioni con le rimanenze di bianchi e rossi, alla faccia del terroir, delle tradizioni e della tracciabilità.

Come difendersi? Leggere etichette (davanti e dietro), diffidare di descrizioni vaghe e puntare su rosati di tradizione: cerasuoli di montepulciano d’abruzzo, rosati di negramaro, di cannonau o di pinot nero.

Sennò.. basta chiedere!

Tags: , , , , ,

No Comments


Vin de gran cul

Pare che qualche secolo fa, a sud di Bordeaux. un duca rientrasse in ritardo nella sua tenuta da un viaggio in Russia.
I contadini, che avevano l’ordine di aspettare il padrone per vendemmiare, ben si guardarono da raccogliere l’uva dai vigneti nonostante il ritardo.
Al duca prese un colpo quando vide tutti i grappoli pieni di muffa, ma, braccino corto com’era, decise di vendemmiare lo stesso.
Il risultato fu un bianco, dolce dal profumo e il sapore unici.
Era nato il Sauternes, era nato lo Chateau d’Yquem: un vino senza prezzo.
 E io che se lascio un attimo la padella sul fuoco mi si brucia il sugo..

Tags: , , , ,

No Comments


Il segreto dei grandi (vini)

Esistono quasi una ventina di para­metri per giudicare un vino, ai quali corrispondono qualche centinaio tra descrittori e sentori.
Tuttavia due sono quelli fondamentali, quelli che fanno la differenza: comples­sità e persistenza.
Un grande vino non può essere banale, non può essere semplice: ha in sè varie sfaccettature, molteplici caratteristiche che devono ricondurre ad una personalità forte.
Un grande vino non può scivolare, non se ne può andare velocemente dalla bocca; rimane, sta: nella bocca e nella mente.
L’intensità, la piacevolezza, certo, sono importanti, ma se sono effimere, se ti raccontano poco o — orrore - se ti anno­iano, servono a poco.

Tags: , , , ,

No Comments


Pensieri e Tannini

Salve, sono Daniele (Brunori). Dice.. e te chi sei? Domanda lecita, non sono un k4net man, ma di k4net ho sposato l’idea e la voglia di fare dei fondatori (e amici). Fondatori che ringrazio per lo spazio conces­somi qui sul blog e che spero di ripagare con qualche spunto che trascenda il banale.

Sono un commerciante ed esportatore di vino (anzi, diciamola alla francese, un negociant, fa più figo..) col progetto Dante Wines , ma soprattutto un appas­sionato ed un “innamorato” del vino.

Pensieri e Tannini. Un piccolo spazio, senza prendersi troppo sul serio, in cui scriverò di questo nettare e del suo mondo, di curiosità e di grandi bottiglie, di temi d’attualità e di vecchie storie che migliaia di anni di tradizione enoica sanno serbare.

Ben lieto di rispondere e discutere (sennò i blog che si fanno a fare), mi permetto di lasciare una delle mie citazioni pre­ferite sul tema.


“…bagni, vino e amore corrompono i nostri corpi,

ma bagni, vino e amore fanno la nostra vita…”

Epitaffio romano,

Corpus Inscriptionum Latinarum, VI 15258

Tags: , , , ,

3 Comments



SetPageWidth
Buy Facebook fans Buy Facebook post likes Buy us Facebook fans Buy Facebook fans Buy Facebook post likes